Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on WhatsappEmail this to someone
Ferrara, 9 ottobre 2020 – Dante sosteneva che la sfera dell’acqua poteva, anzi doveva essere in qualche sua parte più alta della terra abitabile nella nota “De Aqua et Terra” ed è proprio da questa visione che prende il nome il concorso nazionale di scultura indetto dal Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara, arrivato oggi alla terza edizione, premiando tre giovani e brillanti studenti. Un concorso che vede anche la forte collaborazione del Dosso Dossi di Ferrara in una vera  interconnessione culturale tra le due realtà. In un’ottica di apertura del Consorzio in ogni aspetto, ponendo molta attenzione alla cultura, si stanno installando opere scultoree realizzando un percorso all’aperto pensato in 10 piazzole nell’ottocentesco impianto idrovoro di Marozzo divenuto Ecomuseo della Bonifica. L’obiettivo, mediante il linguaggio della scultura, è accompagnare il visitatore in un viaggio emozionale attraverso il paesaggio e la sua storia idraulica che nel tempo ha plasmato il territorio. Dopo ‘Il Nocchiere’ di Michelangelo Galliani nel 2018 e la “Maestra delle acque” di Nicola Zamboni nel 2019, oggi sono stati premiati Francesco Maiuolo, Marta Marino e Francesco Barbieri, tre giovani di Vibo Valentia e studenti all’Accademia di Belle Arti “Fidia” della città. Ad aver colpito la giuria è stata la molteplicità di interpretazione e lettura della loro scultura, secondo la sensibilità e la conoscenza dell’osservatore, legata tanto alla natura quanto all’opera dell’uomo. Con “Principio”, il titolo della scultura vincitrice e realizzata in pietra Leccese, gli artisti hanno voluto sottolineare il principio su cui si fonda l’origine della vita, immaginando una conchiglia che, come prezioso ritrovamento archeologico fossile, riemerge dal prosciugamento delle acque per opera della bonifica, testimonianza concreta del legame indissolubile tra l’acqua e la terra. Affidandosi al sintetismo, si colpisce e si stuzzica l’immaginazione e nel contempo al suo interno permette allo sguardo di rinvenire fossili rilevanti che danno ulteriore importanza alla pietra. “Questa terza edizione vede premiati degli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Vibo Valentia, che  esprime quindi giovanissimi artisti di valore – dice il Presidente del Consorzio Franco Dalle Vacche – Le prime due edizioni sono state vinte da artisti noti e maturi della nostra regione.  Oggi la commissione ha segnalato questi giovani originari di tutt’altro ambiente e perciò ne sono stato molto contento,  per l’ampliamento che si dà al Premio. Altro aspetto importante è il connubio creatosi col Dosso Dossi che oltre ad essere parte giudicante, con l’incontro di domani con questi artisti, gli studenti avranno l’opportunità di un confronto costruttivo peraltro con giovani come loro che hanno fatto un determinato percorso formativo”. Insieme  alla dirigente dell’Istituto estense professoressa Francesca Apollonia Barbieri ha dunque ribadito quanto entrambi abbiano l’obbligo e il dovere di conservazione del patrimonio storico e  artistico del territorio. “Grazie per questa occasione che fa  conoscere il progetto di tre giovani calabresi ma anche di  far emergere un’accademia che spesso è nascosta e non è oggetto di tanta attenzione – dicono Francesco Maiuolo e Marta Marino – è un onore avere la nostra opera in questa splendida cornice che valorizza tutto il territorio di Ferrara. Era progettata per un esame e cercando un concorso con il tema dell’acqua abbiamo incrociato questo, che aveva rispondenze incredibili, dove peraltro la spirale della chiocciola prende anche il significato della nuova vita dell’impianto trasformato in Ecomuseo. Nel 2018 eravamo stati classificati ed ora premiati. “Un’opera dal forte senso evocativo che ha la sua forza nell’allusività consentendo di espandere la visione di quella che è una semplice forma – commenta Barbara Guzzon del Consorzio – permette dunque a chi guarda, una lettura personale con significati diametralmente opposti che vanno dalla natura all’essenza umana della produttività tecnologica. Se c’è chi infatti vede la chiocciola come un essere della natura legata alla terra e all’acqua, basta cambiare lo sguardo per vedere in questa forma la tipica chiocciola delle pompe idrovore, il movimento circolare dell’acqua e, nelle fenditure, le griglie fermaerba”.