Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on WhatsappEmail this to someone

Piacenza, 21 maggio 2020 – Tra i lavori portati a termine in comune di Ferriere, la messa in sicurezza sia della strada di bonifica per Centenaro, sia il Rio Cavallo a protezione dell’abitato di Retorto. E’ il Presidente del Consorzio di Bonifica, Fausto Zermani, a ricordare: << Questi, come tanti altri interventi portati a termine negli ultimi anni, erano stati discussi e valutati insieme a Giovanni Malchiodi, sindaco che non dimenticheremo e che rimarrà un esempio per la passione e la tenacia con le quali si è battuto per migliorare il suo paese e il territorio montano in generale. Con lui abbiamo portato avanti una fruttuosa e proficua collaborazione che sono sicuro continuerà con Paolo Scaglia e il resto dell’amministrazione e che ci permetterà di rendere ancora più sicuro uno dei territori più belli ed amati della nostra provincia.>>. Per quanto riguarda la strada Centenaro- Ferriere era stato il tecnico consortile responsabile della zona, il Geom. Gianluca Fulgoni, ad individuare la necessità di intervento a seguito di un sopralluogo mirato avvenuto dopo le copiose piogge che hanno interessato la zona nei mesi scorsi: <<Era evidente il cedimento della sede stradale a monte dell’abitato di Toazzo con conseguente pericolo per i veicoli di precipitare nel sottostante Rio Grande; canale in parte ostruito e già di per sé rischioso per la possibile formazione di grandi accumuli di acqua che si sarebbero potuti riversare a valle >>. L’intervento di somma urgenza, cofinanziato dalla Regione Emilia Romagna, è consistito: nella realizzazione di una briglia in gabbioni; in una difesa spondale in massi al fine di mitigare l’erosione provocata dall’acqua; nella realizzazione di una palizzata in legname per consolidare la scarpata. Per quanto riguarda l’intervento sul Rio Cavallo era stato il comune a segnalare il crollo della briglia esistente a seguito di fenomeni atmosferici intensi. Ad opera del Consorzio di Bonifica la messa in sicurezza della zona e la realizzazione di una nuova briglia in gabbioni metallici con all’interno massi ciclopici (ossia di grandi dimensioni) e calcestruzzo. Conclude il Vicesindaco Paolo Scaglia: <<Ringrazio il Consorzio di Bonifica per i lavori effettuati. I rapporti con l’ente continueranno come quando Giovanni Malchiodi era con noi, la sua direzione era quella giusta>>.   I comuni interessati dagli interventi appena conclusi o in programma per le prossime settimane sono: Gropparello,Ferriere, Lugagnano, Farini, Ponte dell’Olio, Vigolzone, Castell’Arquato, Alta Val Tidone, Bobbio, Ziano, Travo.