Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on WhatsappEmail this to someone

Primo appuntamento del 2020 per gli studenti dell’Istituto Agrario Spallanzani di Vignola che incontrano i tecnici che il territorio lo vivono con mano. Canale Emiliano Romagnolo (CER), Consorzio della Bonifica Burana e Associazione delle bonifiche dell’Emilia-Romagna (ANBI ER) hanno raccontato agli studenti il lavoro quotidiano in tema di bonifica, agro-ambiente e lotta al dissesto idrogeologico

 acquaeterritoriolab

Vignola (MO), 16 gennaio 2020 – Il Coordinatore di ANBI Emilia-Romagna Alessandro Ghetti: “Acqua e Territorio Lab è un progetto didattico itinerante ideato da ANBI, sostenuto e patrocinato dal Ministero dell’Istruzione attraverso il protocollo siglato con l’Ufficio Scolastico Regionale dedicato agli istituti scolastici di Agraria e Costruzioni Ambiente e Territorio che, nei sei anni dal suo esordio, ha portato l’esperienza sul campo di tanti esperti regionali in classe a centinaia di futuri periti agrari. Si tratta di un’occasione fondamentale nel percorso formativo di questi ragazzi per confrontarsi con chi da anni tocca in modo tangibile le problematiche che trovano affrontate in modo teorico nei loro libri di testo: cosa significa irrigare con un metodo piuttosto che con un altro e in funzione del tipo di coltura e di terreno, come è mutata l’urbanistica del territorio e come il cambiamento climatico condiziona il lavoro della bonifica, la crescente attenzione agli aspetti ambientali, la lotta al dissesto idrogeologico e le prospettive tecnologiche future. Insomma, criticità e opportunità di un territorio caratterizzato da un’economia agricola tra le più fiorenti d’Europa. I tecnici di oggi e le professionalità di domani trovano in Acqua e territorio Lab un’occasione di dialogo indispensabile ad una formazione stimolante e al passo con i tempi”. Tonino Liserra, collaboratore di ANBI, ha introdotto agli studenti le tematiche relative alla mappatura del rischio idraulico del territorio. Si è affrontata l’importanza della prevenzione tramite il coordinamento della rete capillare di opere e impianti per la difesa idraulica di un territorio, quello padano, notoriamente fragile e bisognoso di azioni di contrasto efficaci. In tema di irrigazione, invece, immancabile la dimostrazione del programma Irriframe per il risparmio della risorsa idrica. Alla parte in classe seguirà l’appuntamento all’Acqua Campus di Budrio (Bo) per la dimostrazione pratica delle diverse tecnologie irrigue adottabili dalle aziende. Claudio Battaglia del Consorzio della Bonifica Burana è entrato invece nel merito del comprensorio in cui vivono i ragazzi dello Spallanzani. Accanto ai compiti della bonifica oggi si è toccato infine il tema delle nuove sfide: periodi di prolungata siccità alternati con sempre maggiore frequenza a precipitazioni intense e distruttive in un quadro di surriscaldamento globale.