Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on WhatsappEmail this to someone
A fronte dell’aumento delle temperature medie e della progressiva tropicalizzazione degli eventi atmosferici che espone l’agricoltura emiliana ad un incremento del rischio climatico, sono necessari interventi in grado di aumentare la resilienza dei nostri territori agricolI
Senza acqua non c'è agricoltura!

Bologna, 16 luglio 2019 – Da tempo la Bonifica Renana progetta e realizza interventi per garantire la continuità irrigua alle aziende e ridurre l’incertezza e la precarietà della fornitura di acqua in ambiti privi di dotazioni idriche estive naturali. Nel bacino bolognese del Reno partirà l’esecuzione del raccordo sul fiume per la conduzione nella pianura in sinistra idraulica dell’acqua di superficie prelevata da Po tramite il Canale Emiliano Romagnolo (11,9 milioni di euro). Inoltre, verrà adeguata la rete ricevente e distributiva per questa nuova disponibilità idrica (7 milioni di euro). Un finanziamento specifico di circa 3,9 milioni di euro verrà impiegato per la risistemazione idraulica dei bacini dei canali Riolo e Calcarata, mentre 2,3 milioni di euro saranno investiti per l’invaso irriguo di Castel S. Pietro Terme, connesso al depuratore comunale, e per la realizzazione del relativo progetto di fitodepurazione delle acque. di questo e degli altri progetti a livello regionale, si parlerà il prossimo 17 luglio 2019, nell’ambito dell’incontro PIÙ ACQUA PER L’AGRICOLTURA. Nuovi investimenti per invasi ed infrastrutture irrigue in Emilia- Romagna, in programma dalle ore 9.15 presso la Sala “20 maggio 2012” – Terza Torre viale della Fiera 8, a Bologna.