Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on WhatsappEmail this to someone

L’intervento, per una lunghezza di oltre 2 km a monte e a valle dell’abitato, è stato realizzato dal Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale lungo il Torrente Senio per garantire la sicurezza idraulica del territorio

Lugo (RA), 29 luglio 2019 – Iniziati ad arile e poi sospesi in maggio e giugno per il fermo imposto dalle normative vigenti, in questo mese di luglio si sono conclusi i lavori di taglio selettivo della vegetazione effettuati a monte e a valle dell’abitato di Palazzuolo lungo il Torrente Senio, per una lunghezza 2,2 km. Più precisamente nel tratto d’alveo compreso fra la briglia denominata “Molino Cecchetto” a monte dell’abitato e il depuratore comunale a valle della zona artigianale. L’intervento è stato realizzato dal Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale – il cui vasto territorio di competenza (oltre 2.000 km quadrati) arriva appunto anche ai primi comuni del crinale appenninico in provincia di Firenze (oltre Palazzuolo, anche Marradi e Firenzuola) -, attraverso l’utilizzo di fondi propri dell’Ente derivanti dalla contribuenza montana. «Per garantire il corretto funzionamento idraulico delle opere esistenti nel Torrente Senio, con particolare riferimento alla sicurezza idraulica del tratto urbano, sono necessari interventi costanti di manutenzione ordinaria e straordinaria che si esplicano, principalmente, attraverso la realizzazione di tagli selettivi di vegetazione e contestuale allontanamento del materiale legnoso dall’alveo, oltre alla pulizia forestale delle scarpate esistenti e alla movimentazione in alveo dei materiali provenienti dal trasporto solido che si accumulano principalmente a valle delle opere idrauliche esistenti», spiega il Presidente del Consorzio di Bonifica della Romagna Occidentale, Alberto Asioli.

In particolare questi interventi contribuiscono a garantire e a mantenere la sicurezza idraulica di Palazzuolo, con particolare riferimento alla protezione delle attività produttive esistenti e in corso di espansione, insediate in sinistra idrografica del Torrente Senio a valle dell’abitato.

Si è potuto apprezzare il buon effetto di quanto già fatto in aprile fin dai mesi primaverili di maggio e giugno, nel corso dei quali le importanti precipitazioni hanno generato alcuni eventi di piena non trascurabili, ma che grazie alla prima trance dei lavori già realizzati non ha arrecato nessun danno sul territorio.

Il Torrente Senio, il cui regime idrico è di tipo torrentizio – con copiose portate nei mesi invernali e primaverili – attraversa tutto l’abitato di Palazzuolo e fin dalla fine degli anni ’60 è stato oggetto di consistenti interventi da parte del Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale per contrastare i fenomeni erosivi nell’alveo e nelle sponde. Molte di queste opere sono concentrate nel tratto d’alveo posto subito a nord di Palazzuolo, nella parte compresa fra l’abitato stesso e la briglia a ponte facente parte della strada comunale detta “dei Salti”.