Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on WhatsappEmail this to someone

macfrut-2019_10maggio

Rimini, 10 maggio 2019 – “Se non avessimo intuito, 20 anni fa, la necessità di attrezzarci di fronte alle prime avvisaglie dei cambiamenti climatici, oggi non saremmo a parlare dell’elaborazione di big data per continuare la ricerca della massima efficienza nel servizio irriguo, gestito dai Consorzi di bonifica.” Lo afferma Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), intervenuto al convegno “Le tecnologie ed i servizi per il monitoraggio e la gestione dell’acqua per usi irrigui e ambientali”, tenutosi a Rimini nell’ambito del salone fieristico “Macfrut” e partecipato soprattutto da giovani degli istituti tecnici. “Alla politica – prosegue il Presidente di ANBIchiediamo un impegno comune , affinchè la politica agricola europea riconosca il fondamentale ruolo delle infrastrutture irrigue in termini di economia agricola, ma anche di sostenibilità ambientale. Deve esserci un impegno di sistema nell’interesse del Paese.” Sulla stessa linea è Filippo Gallinella, Presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, presente al simposio di ANBI, che citando il Direttore Generale ANBI, Massimo Gargano, afferma: “Si può fare agricoltura senza terra, ma non senza acqua e pertanto il servizio irriguo non va tassato ed anzi il suo costo di gestione va progressivamente contenuto, migliorando l’efficienza grazie all’applicazione di innovative tecnologie, come costantemente fanno i Consorzi di bonifica. Il loro è un sistema, cha va difeso, facendo chiarezza su attacchi strumentali e colpendo eventuali casi di inefficienza; per questo, abbiamo avviato un’indagine conoscitiva in sede di Commissione, ma è lungi da me l’idea di mettere in discussione un sistema efficiente al servizio del territorio.” A tal proposito, il simposio tecnico, organizzato da ANBI, ha presentato alcune esperienze d’avanguardia, nel campo soprattutto dell’analisi climatica attuale e futura, a servizio dell’agricoltura e per l’ottimizzazione d’uso dell’acqua irrigua. L’importanza delle cultura dell’acqua sarà anche al centro della Settimana Nazionale della Bonifica e dell’Irrigazione, che da sabato 11 a domenica 19 Maggio prossimi, presenterà centinaia di eventi in tutta Italia per favorire la conoscenza del territorio e della sua gestione da parte dei Consorzi.