Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on WhatsappEmail this to someone

Sino a pochi giorni fa si parlava di grave siccità ora di danni del maltempo: è ora di cominciare a prendere coscienza della fragilità del territorio in cui viviamo ed agire di conseguenza. Il Burana fa la sua parte.

51623569_2063937027020705_6338520401953423360_n

Modena, 5 febbraio 2019 – Come sempre accade in occasione dei fenomeni metereologici rilevanti l’attenzione costante che il Consorzio della bonifica Burana presta al territorio – che si ricorda va dalla montagna alla pianura in un “catino” delimitato dai fiumi Secchia, Po, Panaro e Samoggia – aumenta di livello e si provvede per tempo ad effettuare tutte quelle manovre necessarie per mettere in sicurezza il comprensorio; manovre che consistono nell’effettuazione di contro-carichi idraulici, l’attivazione delle paratoie e la sorveglianza dei tratti arginati di propria competenza sul reticolo di bonifica in prossimità degli impianti con turni sulle 24 ore.

In collaborazione con gli altri Organismi preposti il Burana ha partecipato alle riunioni presso la sala operativa della Protezione Civile a Marzaglia assumendo e condividendo, con la propria esperienza, le attività più idonee alla salvaguardia del territorio ed alla sicurezza dei cittadini.

Emerge in questi momenti come la migliore opera per prepararsi a questi eventi, anche causati dai cambiamenti climatici e, nel caso specifico, dal repentino scioglimento della neve in montagna che ha determinato l’innalzamento dei fiumi, sia la prevenzione. Questa è l’attività quotidiana e costante del Consorzio Burana che effettua preventivamente l’espurgo dei canali, la pulizia selettiva dalla vegetazione infestante e l’attività di manutenzione della rete scolante di oltre 2.000 chilometri di canali oltre allo studio progettuale di soluzioni per minimizzare in futuro rischi idraulici.

 

 

Infine alcuni dati idrometrici (visibili anche alle sezione “In tempo reale” del sito consorziale www.consorzioburana.it ) rilevati all’impianto Santa Bianca di Bondeno che evidenziano la rapidità con cui è aumentato il livello del fiume Panaro nel fine settimana:

Sabato 2 febbraio – ore 09,00: 7,80 m/slm;

Domenica 3 febbraio – ore 09,00: 12,11 m/slm;

Lunedì 4 febbraio – ore 09,00: 10,56 m/slm.

Martedì 5 febbraio – ore 09,00: 8,56 m/slm

La piovosità media nel comprensorio di bassa pianura nel fine settimana è stata tra i 20 ed i 30 mm.