Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on WhatsappEmail this to someone

Ravenna 22-4-2016- Collaborazione operativa su percorsi di formazione utili per comprendere a fondo il proprio territorio e le caratteristiche mutevoli dell’ambiente in cui si vive e riconoscimento dell’importanza fondamentale dell’alternanza scuola-lavoro per acquisire maggiori e qualificate competenze professionali aggiornate e opportunità favorevoli per inserirsi nel mondo del lavoro.

L’ANBI Emilia Romagna (l’Associazione che unisce i Consorzi di bonifica regionali) e l’Ufficio Scolastico Regionale (MIUR-Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) con questi presupposti hanno sancito oggi a Ravenna un accordo del tutto nuovo e sperimentale che rappresenta per il sistema consortile e per quello scolastico un esempio unico in Italia alla base di un modello innovativo e replicabile anche ad altre aree. Con la firma di oggi i Consorzi di bonifica, forti delle esperienze educational ideate e diffuse da ANBI ER negli ultimi anni all’interno degli istituti della regione, entrano a far parte di un qualificato numero di soggetti individuati dalle istituzioni scolastiche per diffondere percorsi di apprendimento legati alla cura e alla salvaguardia del territorio. Le attività saranno rivolte agli studenti degli Istituti Tecnici, Professionali e Licei, in relazione agli indirizzi di studio e alle disponibilità dei Consorzi, con attenzione prioritaria verso gli Istituti Tecnici ad indirizzo Agrario, Agroalimentare e Agroindustriale e Costruzioni, Ambiente e Territorio e Istituti Professionali Settore Servizi per l’Agricoltura e lo sviluppo rurale nelle province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini. Oltre all’alternanza scuola-lavoro e ai periodi di stage nei Consorzi l’Ufficio Scolastico regionale ha apprezzato il progetto di ANBI ER e Canale Emiliano Romagnolo “Acqua e Territorio Lab” volto per lo più, attraverso il progetto IRRINET e i laboratori in aula, all’informazione capillare sulle azioni tecnologiche per il risparmio idrico in agricoltura. Il progetto guadagnerà un graduale e successivo ampliamento allargandosi anche ai docenti. L’intesa regionale – che ha avrà una durata iniziale di tre anni con eguale possibilità di rinnovo (2016-2019 ) – è stata presentata nell’Aula Magna dell’Istituto Tecnico di Agraria L.Perdisa a Ravenna alla presenza di circa 200 studenti. Ed è proprio da loro e dalla narrazione delle loro esperienze vissute nei Consorzi in questi anni che è arrivata la conferma della validità dell’iniziativa e delle prospettive della futura sinergia. Dopo i saluti del Consorzio di Bonifica della Romagna che ospitava l’evento e delle autorità locali i contenuti dell’accordo sono stati illustrati dal Dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale Giovanni Desco e dal Presidente di ANBI ER Massimiliano Pederzoli che hanno espresso la loro soddisfazione. “L’USR aderisce con estrema convinzione al progetto elaborato con ANBI ER- ha rimarcato Desco – perché pienamente coerente con lo spirito della Legge 107/2015 che richiede una forte sinergia tra scuola e mondo del lavoro nel progettare le esperienze a tutto vantaggio della qualità dell’offerta formativa”. Pederzoli ha sottolineato: “la reciprocità del valore dell’accordo che poggia su basi solide di azioni comuni già sperimentate negli ultimi anni, una intesa a vantaggio di tutti i soggetti interessati in un contesto in cui scuola, studio specifico del territorio e mondo del lavoro diventano un tutt’uno inscindibile”. Nell’immagine una delegazione dei 200 studenti presenti all’incontro ravennate. Studenti del Perdisa di Ravenna e del Garibaldi-Da Vinci di Cesena sotto insieme a Giovanni Desco (Dirigente USR-MIUR- a destra) e a Massimiliano Pederzoli (presidente ANBI ER-a sinistra) durante la presentazione dell’accordo scolastico regionale.